0
https://open.spotify.com/episode/3OIgBqjcA6YgQkmAN34mwK?si=r0Clg55gTpuXotzCUXcc3A

Siete favorevoli o contrari alle centrali nucleari in Italia? Analizziamo alcuni aspetti che ci dimostrano che stiamo solo sprecando i nostri stessi soldi.

L’Energia nucleare in Italia

Dal 1963 al 1999 l’Italia ha prodotto energia nucleare. Dopo il referendum del 1987 si è deciso di dismetterle. Come mai? Chernobyl ha sicuramente influenzato la votazione.

“Oneri di sistema”

Nella bolletta della luce c’è una voce: “oneri di sistema“. Questi dovrebbero essere impiegati per energie rinnovabili, invece? Invece se ne impossessano le mafie, come successo per un parco eolico in Calabria o sprecati, come successo a Gravina, Puglia, dove un parco di pannelli fotovoltaico è stato posto sotto sequestro e ben 40 milioni di euro di soldi pubblici sono spariti nel nulla.

Oltre al danno la beffa

Avendo chiuso gli impianti nucleari in Italia, siamo costretti a comprare energia nucleare dalla Francia, la cui centrale più vicina al confine dista solo 134 Km circa in linea d’aria da Trino Vercellese, dove si trova la centrale nucleare dismessa più importante d’Italia.

Inoltre, parte delle scorie che le nostre centrali continuano a produrre vengono esportate per essere smaltite all’estero. Il risultato? Milioni di soldi buttati al vento.

Il referendum del 2011

Nel 2011 si è tenuto un referendum circa la riapertura delle centrai nucleari in Italia, ma il disastro naturale di Fukushima ha portato all’abbandono definitivo del tema dell’energia nucleare in Italia.

Energia nucleare: ad oggi la fonte migliore di energia

Forse quindi, se risparmiassimo un po’ dei nostri soldi, potremmo mettere a punto e affinare fonti di energia rinnovabile, ma fatto sta ed è che ad oggi l’energia nucleare è ancora fondamentale, economica ed efficace.

Monica Giulia Cantù
Classe 1997. Laureanda in lettere moderne e contemporanee all'Università di Torino. Articolista. Appassionata di musica, scrittura, cinema, pittura, letteratura e scienza. "Tutte le cose sono belle in sé, e più belle ancora diventano quando l'uomo le apprende. La conoscenza é vita con le ali" (Khalil Gibran).

La app Immuni serve davvero?

Previous article

Il complotto mondiale del coronavirus

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

More in Scienza